PrimaVia

Patrimoni dell'Umanità in Iran

Shahr-i Sokhta, la Città bruciata

Shahr-e Sukhte, letteralmente “la Città bruciata”, è un sito archeologico risalente all’Età del Bronzo; rappresenta una delle città più antiche del mondo. Si estende per un’area pari a 151 ettari. La popolazione viveva essenzialmente di commercio e di agricoltura. Non siano state rinvenute armi nel sito e ciò ha suggerito la natura pacifica degli abitanti della città. Le ragioni della repentina scomparsa della città non sono ancora del tutto chiare. Fu scoperta nel 1967 dall’archeologo ed esploratore italiano Maurizio Tosi, ed è stata oggetto di scavi fin dal 1970. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2014.

teheren-galestan

Palazzo Golestan, Tehran

E’ la residenza storica della dinastia reale Qajar, situata a Teheran. Si tratta del più antico monumento della città, parte di un complesso di edifici un tempo racchiusi dalle mura della storica cittadella (Arg). E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2013.

Gonbad-eQabus iran

La torre di Gonbad-eQabus

E’ il capoluogo della provincia di Gonbad-e Kavus, circoscrizione Centrale, nella regione del Golestan. Aveva, nel 2006, una popolazione di 127.167 abitanti. La città è famosa per la sua torre-mausoleo in mattoni, alta 60 m, risalente alla dinastia ziyaride, eretta nel 1006. E’ un bene protetto dall’unesco dal 2012.

Isfahan moschea Imam

Isfahan moschea Imam

La Moschea del Venerdì ad Isfahan è l’espressione architettonica più importante della dominazione Selgiuchide in Persia (1038-1118). E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2012.

 

shazdeh-mahan

Il giardino persiano Shazdeh, Mahan

E’ un giardino storico persiano situato a 6 km da Mahan, nella provincia di Kerman. Ha una forma rettangolare e si estende per un’area di 5 ettari. Presenta al suo interno fontane ornamentali costruite seguendo la naturale forma del terreno. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2011.

Bazaar di Tabriz

Bazaar di Tabriz

E’ fin dall’antichità uno dei principali luoghi di commercio del Medio Oriente, situato lungo la storica “Via della seta” ed è il più grande bazar coperto al mondoSecondo gli storici la costruzione di questo mercato iniziò circa 1000 anni fa, ma buona parte dell’attuale struttura risale al XV secolo. L’enorme complesso comprende circa 35 km di passaggi coperti, con più di 7000 negozi, 24 caravanserragli e 28 moschee. L’attività principale all’interno è la manifattura dei tappeti, ma è rinomato anche per la lavorazione degli argenti e dei gioielli. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2010. 

Santuario di Sheikh Safi

Santuario di Sheikh Safi al-din

Costruito tra l’inizio del XVI secolo e la fine del XVIII secolo. E’ un luogo di ritiro spirituale nella tradizione Sufi e utilizza forme architettoniche tradizionali iraniane atte a massimizzare lo spazio disponibile per ospitare una varietà di edifici, tra cui una biblioteca, una moschea, una scuola, mausolei ecc. Incorpora un percorso diviso in sette segmenti che culmina nel santuario dello sceicco. Il numero dei segmenti è  rispecchia i sette stadi del misticismo Sufi, separati da otto porte, che rappresentano gli otto atteggiamenti del Sufismo.  E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2010.

Monasteri armeni

Monasteri armeni

Il complesso dei monasteri armeni dell’Iran, nella parte nord-ovest del paese, si compone di tre monasteri di rito cristiano armeno: San Taddeo (il più antico, risale al VII secolo),  San Stefano e la Cappella di Dzordzor. Questi edifici sono esempi dell’eccezionale valore universale delle tradizioni architettoniche e decorative armene. Testimoniano interscambi molto importanti con le altre culture regionali, in particolare tra quelle bizantina, ortodossa e persiana. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2008.

Impiato idraulico shushtar

Impiato idraulico Shushtar

Shushtar, è lo storico sistema idraulico, che risale all’epoca di Dario il Grande, (V secolo a.C.). Il centro di funzionamento dell’intero sistema idraulico è la torre in cui si monitora il livello dell’acqua e permette il controllo di dighe, ponti, bacini e mulini. L’intero complesso idraulico testimonia il know-how degli Elamiti e dei popoli mesopotamici, nonché le influenze di culture esterne come i Nabatei e i Romani. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2009.

kermanshah-bisotun

Bisotun, Kermanshah

Bisotun si trova lungo l’antica rotta commerciale che collegava l’altopiano iranico con la Mesopotamia e presenta tracce che spaziano dalla preistoria all’epoca dei Medi, dalla dinastia achemenide e sassanide fino all’ilkhanato. Il monumento principale di questo sito archeologico è il bassorilievo con le iscrizioni cuneiformi ordinato da Dario I il Grande quando prese possesso dell’impero persiano nel 521 a.C. Il bassorilievo raffigura Dario che tiene un arco, segno di sovranità, e calpesta il petto di un personaggio sdraiato sulla schiena di fronte a lui. Secondo la leggenda, la figura rappresenta Gaumata, il pretendente al trono dei Medi, il cui assassinio ha portato Dario al potere. Sotto e intorno ai bassorilievi ci sono circa 1.200 linee di iscrizioni che raccontano la storia delle battaglie che Dario condusse tra il 521-520 a.C. contro i governatori che assalirono l’impero fondato da Ciro. L’iscrizione è trilingue. La più antica è un testo Elamita riportante le leggende che descrivono il re e le ribellioni. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2006.

 

 

 

shiraz-tomba-di-ciro

Tomba di Ciro, Fars

Pasargad è stata la prima capitale della dinastia dell’impero Achemenide, fondata da Ciro II il Grande, in Pars, patria dei persiani, nel VI secolo a.C. I suoi palazzi, i giardini e il mausoleo di Ciro sono esempi eccellenti della prima fase dell’arte e dell’architettura achemenide e costituiscono testimonianze eccezionali della civiltà persiana. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2004.

susa

Tchongha Zanbil, Susa

Le rovine della città santa del regno elamita, circondate da tre enormi cicli di mura concentriche sono state rinvenute nel sito archeologico di Choga zanbil. Fondata nel 1250 a.C., la città è rimasta incompleta dopo l’invasione di Ashurbanipal, secondo quanto dimostrano migliaia di mattoni lasciati sul sito. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 1979.

Takht e Soleyman

Takht-e Soleyman

Il sito archeologico di Takht-e Soleyman nel Nord-Ovest dell’Iran, è situato in una valle in una regione vulcanica. Il sito include i principali santuari dello zoroastrismo, in parte ricostruiti nel periodo dell’Ilkhanato, la dominazione mongola del XIII secolo, e un tempio del periodo sasanide (VI-VII secolo) dedicato ad Anahita. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2003.

persepoli-unesco

Le rovine di Persepoli

Fondata da Dario I nel 518 a.C., Persepoli fu la capitale del regno achemenide. La città si basava su una terrazza semi-artificiale di enormi dimensioni su cui il Re dei Re fece costruire un impressionante palazzo ispirato ai modelli della Mesopotamia. L’importanza e stato di conservazione delle rovine rendono Persepoli un sito archeologico unico al mondo. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 1979.

Arg Bam

La città medievale di Arg-e Bam

Bam si trova in un ambiente desertico sul bordo meridionale dell’altopiano iraniano. Le origini di Bam si possono far risalire al periodo achemenide (VI-IV secolo a.C.). Il periodo di massimo splendore fu dal VII al XI secolo, momento in cui la città si trovò al crocevia di importanti vie commerciali e divenne nota per la produzione di capi in seta e cotone. La vita nell’oasi si basava sui canali d’irrigazione sotterranei, i qanat, di cui Bam ha conservato alcuni degli esempi più antichi dell’Iran. Arg-e Bam è l’esempio più rappresentativo di una città medievale fortificata costruita con la tecnica locale utilizzando strati di fango sovrapposti (Chineh). E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2004.

Soltaniyeh

Mausoleo di Oljaytu, Soltaniyeh

Il mausoleo di Oljaytu è stato costruito nel 1302-12 nella città di Soltaniyeh, capitale della dinastia ilkhanide, durante la dominazione mongola. Situato nella provincia di Zanjan, Soltaniyeh, è uno degli esempi notevoli delle conquiste dell’architettura persiana e un monumento chiave nello sviluppo      dell’architettura islamica nel paese. L’edificio ottagonale è sormontato da una cupola di 50 m di altezza rivestito in turchese-azzurro ceramica e circondato da otto minareti di piccolo diametro. È il primo esempio al mondo di cupola a doppio guscio in Iran. E’ un bene protetto dall’Unesco dal 2005.

PRIMAVIA

  •   Via Ruggero di Lauria 15, Milano

  •    Tel/Fax: (+39) 02 39443696

  •    Mobile: (+39) 3271767707

  •     Mail: info@primavia.it

              

CONTATTACI

Privacy & Cookie Policy | Disclaimer | Help

© Copyright 2016 - PrimaVia S.r.l. | P.IVA: IT08790080967